Cosa Significa Batteria Attivata in Fabbrica?

Se stai pensando di acquistare una batteria sostitutiva, potresti aver letto la dicitura “attivata in fabbrica”, che probabilmente ti ha lasciato un po’ confuso. Quindi, cosa vuol dire quando una batteria è attivata in fabbrica? E questo presenta vantaggi o svantaggi rispetto alle opzioni “non” attivate in fabbrica?

Quando si legge “attivata in fabbrica”, la prima cosa da dire è che, solitamente, questa dicitura indica una batteria di tipo AGM (Absorbed Glass Mat), la quale è una comune variante della batteria che ha acquisito la sua popolarità negli anni ‘80. Durante quel periodo furono apportati miglioramenti tecnici significativi, in particolare il fatto di rendere le batterie a prova di perdita, permettendone quindi il posizionamento in qualsiasi orientamento, il che è particolarmente vantaggioso per un sacco di veicoli. Inoltre, le batterie AGM sono state rese molto più leggere, diventando quindi decisamente valide per veicoli e apparecchiature in cui questo fattore assume una certa importanza.

In aggiunta, molti veicoli necessitano di qualcosa di abbastanza resistente per far fronte a terreni accidentati senza danneggiarsi né perdere facilmente liquidi: per questo motivo, molte batterie sono state dotate di cover in polipropilene a prova di urti, per garantire la massima resistenza alle vibrazioni. Le batterie AGM sono quindi perfette in quanto leggere e resistenti.

Comunque, non tutte le batterie AGM sono uguali. Alcune di queste batterie avranno bisogno di essere riempite o caricate una volta giunte a destinazione, pertanto sono “non attivate in fabbrica”. Tali batterie arriveranno con una confezione di acido che dovrà essere aggiunto nei fori presenti sulla parte superiore della batteria prima di sigillarla; inoltre, necessitano di essere caricate. Altri tipi di batterie AGM non richiedono un riempimento o una carica, in quanto sono già state riempite e caricate prima della spedizione o, per l’appunto, “attivate in fabbrica”, e saranno subito pronte all’uso.

Il processo di installazione e di attivazione delle batterie non attivate in fabbrica, oggigiorno, è sicuramente molto più semplice rispetto al passato, ma il processo di riempimento e di carica non è esente da problemi. Le confezioni di acido spesso arrivano in pratici pacchetti separati da celle e, di conseguenza, è molto meno probabile che perdano, quindi sono molto più sicure; ciononostante, presentano comunque alcuni rischi, quindi sarà necessario prendere le dovute precauzioni durante il processo di riempimento con l’acido solforico, al fine di evitare danni alla pelle o agli occhi. Una volta riempita la batteria, potrai caricarla. Il tempo di carica dipende dal caricabatterie e dal tipo di batteria che stai utilizzando, ma alcune richiedono fino a 8 ore per raggiungere una carica completa. Le batterie attivate in fabbrica evitano la necessità di riempimento e carica.

Quando leggi “esente da manutenzione e attivata in fabbrica”, sai che la batteria che hai ricevuto è subito pronta all’uso e non dovrai andare incontro al fastidio di riempirla con acido o acqua e di aspettare che si carichi.

Se hai ancora curiosità a proposito del processo di attivazione della batteria, dai un’occhiata a questo video, che potrebbe essere sufficiente a dissuaderti dal farlo da te e convincerti ad acquistare una batteria attivata in fabbrica. Se stai cercando delle batterie che sono subito pronte all’uso, sfoglia il sito web di BatteryClerk per trovare l’articolo che fa per te.

Articolo precedente Pianificare la Sostituzione della Batteria per la Gestione di Proprietà e di Strutture
Articolo successivo Batterie di Ricambio RBC per UPS